Skip to content

Intestazioni HTML: guida all’uso

March 31, 2010
tags: ,

Le intestazioni all’interno del codice HTML sono elementi ben noti. Sono state però al centro di alcune discussioni sulla semantica: in particolare l’uso del tag h1 ha generato spesso pareri contrastanti per il suo utilizzo nelle pagine diverse dalla homepage.

Seguendo alcune discussioni in rete, e guardando la struttura di alcuni siti come quello di Roger Johansson, ho raccolto alcune indicazioni per una guida il più possibile definitiva, almeno fino alla prossima rivoluzione del web semantico. In questo riassunto ho tenuto conto anche dei requisiti per avere delle pagine quanto più possibile accessibili.

Regole generali per le intestazioni HTML

  • Una sola intestazione h1 per pagina
  • Coerenza, senza saltare nessun livello, passando da h1 ad h2, h3, e così via.

La struttura delle pagine

Homepage

  • h1 per il titolo del sito
  • h2 per i titoli delle sezioni principali o per i titoli dei post (blog)
  • h3, h4, h5… per titoli e sottotitoli secondari, in ordine di importanza

Pagine interne

  • titolo del sito evidenziato con strong o em, ma non h1
  • h1 per l’argomento principale della pagina, o il titolo del post (blog)
  • h2, h3, h4… per sezioni e sottotitoli, in ordine di importanza

L’elemento più delicato è sicuramente il titolo del sito: noterete che nelle pagine interne non è evidenziato da un h1, che invece viene usato per l’argomento specifico della pagina.

Fino a qualche tempo fa ero convinto che fosse bene utilizzare ovunque un h1 sul titolo del sito, ma ho dovuto ricredermi. In effetti non ha senso identificare questo titolo come l’elemento più importante nelle pagine interne, a maggior ragione se parliamo di un blog. In contesti simili è il soggetto del post ad avere maggior rilevanza: l’importante è che il sito sia comunque identificabile, ma questo può essere fatto anche senza utilizzare un’intestazione.

Io seguirò questi criteri nei miei prossimi progetti e nei futuri redesign. Noterete che questo stesso sito segue regole differenti: sono convinto che potrà essere indicizzato ancora meglio dai motori di ricerca con qualche piccola modifica nelle pagine interne.

Voi quali criteri utilizzate per le intestazioni? Siete d’accordo con queste linee guida o fareste diversamente? Lasciate un commento con il vostro parere, potrebbero emergere idee interessanti.

Vuoi fino a 10Gb gratis per il backup e la condivisione dei tuoi file? Registrati su Dropbox, se usi questo link ottieni 250Mb aggiuntivi (e li regali anche a me🙂 )

Intestazioni HTML: guida all’uso

Comments are closed.

%d bloggers like this: